giovedì 1 dicembre 2016

L'Immacolata tra i santi Francesco e Antonio di Padova in una tela di pittore anonimo del 1586 ca

Anonimo, Immacolata e Dio Padre tra i santi Francesco e Antonio di Padova, 1586 ca
olio su tela, 190x136 cm
Santomenna, Museo del Sacro
Il Museo del Sacro del Comune di Santomenna (Salerno) custodisce una dipinto di autore anonimo del 1586 ca, proveniente dalla Chiesa annessa al convento dei Cappuccini distrutta dal terremoto dell'Irpinia del 1980.
L'opera è così descritta nella pagina del Sito santomenna.org:
Nella parte alta della tela Dio Padre è rappresentato secondo l’ iconografia tradizionale. Egli emerge a mezzo busto da una semicorda di nuvole, con la mano destra che regge il globo e quella sinistra che è alzata; un manto rigonfio lo avvolge quasi interamente. Ai lati è accompagnato da due angeli, pure essi a mezzo busto. Il centro del dipinto è dominato dalla figura della Madonna Immacolata, avvolta da una luce dorata, con in capo le dodici stelle, che si erge sulla falce di luna e calpesta Satana, nelle sembianze di serpente. E’ raffigurata frontalmente con lo sguardo che sembra rivolto verso l’alto, con i lunghi capelli sciolti, dai quali emergono le grandi orecchie, che cadono sulle spalle, e con le mani giunte condotte al petto. Intorno a lei i simboli consueti previsti dall’iconografia tradizionale sviluppatasi nel clima controriformistico, che tanto risentirono del Cantico dei cantici. In basso, ai margini esterni, compaiono due santi a mezzo busto: a destra sant’Antonio da Padova con il giglio tra le mani e a sinistra – sembra – san Francesco d’Assisi con le braccia incrociate e il crocifisso nel mezzo.
A laude di Gesù Cristo e del poverello Francesco. Amen.

Nessun commento:

Posta un commento