lunedì 28 novembre 2016

Sant'Antonio di Padova (?) nella "Pala Pitti" di Fra Bartolomeo (1512)

Fra Bartolomeo, Matrimonio mistico di santa Caterina e santi (Pala Pitti), 1512
olio su tavola, 356x270 cm
Firenze, Galleria Palatina (Palazzo Pitti)
Il Matrimonio mistico di santa Caterina da Siena e santi (o Pala Pitti) è un dipinto di Fra Bartolomeo, detto anche Baccio della Porta (Soffignano di Prato, 21 agosto 1473 - Firenze, 31 ottobre 1517), frate domenicano, firmato e datato 1512, e conservato nella Galleria Palatina di Firenze. Nella Pala pare di scorgere, con il tradizionale attributo del giglio, la figura di sant'Antonio di Padova.
Nella pagina di wikipedia.it dedica all'opera viene così descritta:
L'opera mostra l'insolita iconografia del matrimonio mistico di santa Caterina da Siena, ricalcato sull'episodio riguardante l'omonima santa Caterina d'Alessandria, in uso come soggetto dal medioevo.La scena è ambientata entro la nicchia di una chiesa e sotto una tenda retta da angeli, imitante la Madonna del Baldacchino di Raffaello. A Raffaello si rifà anche la disposizione semicircolare dei santi attorno al trono di Maria, ben tredici, che esplorano la spazialità disponibile. Evidenti sono le ampie campiture di colore che sono tra le caratteristiche più tipiche dello stile di Fra Bartolomeo, unite alla monumentalità dei personaggi e all'atmosfera solenne e pacata, dove i movimenti appaiono rallentati.Spiccano ai lati due santi dalle figure solenni e maestose, ispirate a Michelangelo: san Giorgio e san Bartolomeo. Gli angioletti musicanti, col liuto e con la lira alla base del trono, sono un omaggio all'arte veneziana di Giovanni Bellini, in particolare la Pala di San Zaccaria, vista in occasione del viaggio in Laguna del 1508.
A laude di Gesù Cristo e del poverello Francesco. Amen.

Nessun commento:

Posta un commento